Bari-Ternana, difendere il San Nicola

E’ la 38 esima gara fra Bari e Ternana. I precedenti parlano di una quasi sostanziale parità con 12 vinte, 12 pari e 13 perse. Nelle ultime nove giornate il Bari ha raccolto 14 punti frutto di 3 vittorie e 5 pareggi, con solo una sconfitta, 0-2 a Cittadella lo scorso 21 gennaio. Al “San Nicola” i biancorossi sono imbattuti da 10 partite ufficiali, con score di 6 vittorie e 4 pareggi. L’ultimo k.o. interno biancorosso risale allo 0-4 contro il Benevento, datato 24 settembre scorso.

Il Bari, con il Perugia, è una delle due squadre della B 2016/17 che ha schierato il maggior numero di atleti: 33 a testa. La gara di domani sarà anche la gara degli ex: ben 9 (2 nelle file dei biancorossi, 7 in quelle dei rossoverdi)

Sul versante umbro non si può dire che i numeri siano positivi. La Ternana è la formazione della Lega B 2016/17 che ha perduto più partite, 12 in 25 giornate. Non segna da 203’: ultimo centro di Falletti al 67’ di Ternana-Cittadella 1-0 del 28 gennaio scorso. Poi si contano i residui 23’ di quella gara e le intere contro Spezia (0-2 esterno) e Perugia (0-1 in casa). La Ternana è l’attacco più anemico del torneo, 1 sola rete segnata, come il Carpi. Fuori casa il digiuno umbro è addirittura salito a 315’, con ultimo sigillo di Palumbo al 45’ di Carpi-Ternana 1-1 del 10 dicembre scorso; poi si conta la ripresa del “Cabassi” e le trasferte a Ferrara (0-4), Pisa (0-1) e La Spezia (0-2).
La Ternana è una delle due squadre della Lega B 2016/17 che ha subito più reti nei 15’ di gara prima della pausa, ossia dal 31’ al 45’ inclusi recuperi: 9 i gol incassati dai rossoverdi, stessa cifra del Trapani.