Storia del «San Nicola»

stadio-san-nicolaLo stadio «San Nicola» è di proprietà del Comune di Bari. È stato costruito tra il 1987 e il 1990 sulla base del progetto di Renzo Piano, architetto genovese di fama internazionale, e ha una capienza di 58mila 270 posti a sedere.

L’esigenza di regalare un nuovo stadio alla città di Bari nasceva dalla necessità di sostituire lo storico, ma ormai obsoleto, stadio “Della Vittoria” per ospitare nel capoluogo pugliese alcune delle gare previste dall’organizzazione del Mondiale Italia ’90. Tra queste la finale per il 3°- 4° posto Italia – Inghilterra, l’ottavo di finale tra Cecoslovacchia e Costarica e tre gare del gruppo B.
Lo stadio è stato dedicato a San Nicola, Santo Patrono della città, in seguito ai risultati di un referendum popolare che ha visto gli stessi cittadini di Bari scegliere il nome che preferivano tra “San Nicola” e “Degli Ulivi”.

 

 

 

pict0005L’astronave
La sua struttura ovale, il cui anello superiore è diviso in 26 settori a petalo, è valsa al “San Nicola” il soprannome di “astronave”. I petali, oltre ad avere una funzione estetica, sono utili anche per la suddivisione delle tifoserie durante le partite in casa.
Lo stadio “San Nicola” è diviso in due anelli: inferiore e superiore e in sei settori: tribuna stampa, tribuna vip, tribuna est, tribuna ovest e le due curve (nord e sud).

 

 

 

 

stadiogiorno2Curiosità
Lo stadio San Nicola è il quarto stadio più grande d’Italia.
È stato inaugurato il 3 giugno 1990 con l’amichevole Bari – Milan (i padroni di casa vinsero 2-0 sugli allora campioni d’Europa con reti di Scarafoni e Monelli).
L’impianto sportivo è presente nella copertina dell’album calciatori “Panini” della stagione 2009/2010 e sulle relative bustine di figurine. L’espulsione di Giampaolo Pazzini al 3° minuto della partita Italia – Irlanda nel 2009, valida per la qualificazione ai mondiali in Sud Africa, è considerata la più rapida espulsione di un calciatore nella storia della nazionale. Nel 1991 il San Nicola ha ospitato la finale della Coppa dei Campioni tra Stella Rossa Belgrado e Olympique Marsiglia. Nel 1997 ha ospitato i XIII Giochi del Mediterraneo, compresa la cerimonia inaugurale, tutte le gare di atletica leggera e altri appuntamenti.